Sorgente e natura
21827
page-template,page-template-full_width,page-template-full_width-php,page,page-id-21827,theme-stockholm,qode-social-login-1.1.3,qode-restaurant-1.1.1,stockholm-core-1.1,woocommerce-no-js,select-theme-ver-5.1.8,ajax_fade,page_not_loaded,wpb-js-composer js-comp-ver-6.0.5,vc_responsive

SORGENTE E NATURA FONTE TVLLIA

La configurazione morfologica dell’Umbria, per la specificità geologica del territorio, ha determinato una qualità peculiare delle acque dei bacini idrominerali. Le acque minerali in Umbria hanno, per la gran parte, caratteristiche chimico-fisiche molto differenti tra loro a seconda del bacino idrominerario di provenienza. Recenti studi evidenziano che da un punto di vista idrogeologico la FONTE TVLLIA è un’acqua oligominerale magnesiaco-calcica, tipica degli acquiferi carbonatici. Inoltre, secondo le classificazioni delle acque sulla base della loro origine e composizione, introdotta dallo studioso russo Chebotarev, l’acqua FONTE TVLLIA può essere definita bicarbonato-alcalina. Da un punto di vista normativo, invece, l’Acqua FONTE TVLLIA è oligominerale, indicata per le diete povere di sodio e microbiologicamente pura. La posizione privilegiata della sorgente, a mezzacosta, unita alla particolare configurazione idrogeografica della fonte, garantiscono un’eccezionale stabilità nel tempo dei parametri chimico-fisici.

L’acqua, infatti, sgorga direttamente da una fenditura della roccia a 566 metri s.l.m. ed è proprio questa meraviglia della natura a renderla particolarmente pregiata. Tale tipologia di scaturigine, infatti, non solo garantisce caratteristiche organolettiche ottimali e costanti nel tempo, ma consente di ridurre drasticamente l’intervento umano nella fase di captazione. Vale a dire, l’assenza totale di interventi che solitamente interessano il pompaggio dalle falde acquifere in fase di captazione, garantisce purezza e igienicità al prodotto. Infine, l’elevata portata erogata dalla sorgente non richiede nessuna pratica di stoccaggio del prodotto, né alcuna variazione del regime fluido della condotta. In altre parole, l’acqua, proveniente dalla sorgente, viene convogliata direttamente nelle linee di produzione. L’eccedenza del prodotto, invece, viene restituita alla natura, defluendo nel Vigi, uno dei fiumi più suggestivi della Valnerina. Di più, la sorgente si trova in un territorio sostanzialmente salubre e incontaminato, lontano da coltivazioni, allevamenti e insediamenti industriali.